Informativa Cookie Law in vigore dal 03.06.2015 
Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità 
illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

IL RINCARO ENERGETICO È QUESTIONE DI STATO

Il ministro Cingolani ha gettato un macigno nello stagno, annunciando che dal primo ottobre i rincari delle tariffe elettriche saranno superiori al 40%, e che al tempo stesso però il tema <<è ora all'attenzione del governo>>. All'annuncio ha fatto seguito l'immediato calcolo su come questi aumenti andranno a gravare sui budget delle famiglie italiane con ipotesi che, indipendentemente dall'evidente utilizzo della statistica del <<pollo>> tanto cara a Trilussa, hanno portato ad immaginare costi <<medi>> che per alcuni saranno di 250 euro l'anno e per altri addirittura del doppio lasciando in sospeso l'analisi degli effetti possibili per il mondo delle imprese.

Il rincaro enegetico è un problema di stato 2

Fonte: Giornale di Brescia