Informativa Cookie Law in vigore dal 03.06.2015 
Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità 
illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

QUELL'ORO NASCOSTO NELLA COPPA EUROPEA

<<It's coming Rome>> rappresenta il primo concreto effetto della vittoria all'Europeo di calcio non solo perché, oggettivamente, la coppa è sbarcata in mezzo ad ali di folla festanti nelle vie della capitale, ma anche perché ci ha permesso di prendere dimestichezza con la lingua di Albione. I cugini inglesi, a loro volta, potrebbero avere capito che la coniugazione del verbo andrebbe evitata parlando di vittorie sportive imparando un po' di sano partenopeo-trappatonismo che insegna a <<non dire gatto fino a quando non l'hai nel sacco>>. Sempre prendendo spunto da questa prima considerazione linguistico-scaramantica potremmo addentrarci in altre riflessioni tra ciò che intorno a questo avvenimento si può considerare oggettivo e quanto, invece, rientri nella casistica del percepito o dello sperato. Sul reale possiamo annoverare l'entusiasmo strabordante di milioni di italiani. Non si deve essere laureati in psicologia per riconoscere in questo tripudio prolungato una sorta di volontà di <<uscire>> dall'incubo di questo ultimo periodo.

Quelloro nascosto nella europea 2

Fonte: Giornale di Brescia