Informativa Cookie Law in vigore dal 03.06.2015 
Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità 
illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

NUOVE CONVERGENZE E ANTICHI DIFETTI

Nel recente passato le visite del presidente della Commissione europea in Italia venivano viste come un momento un po' rituale piuttosto privo di significati politici rilevanti o, spesso, come occasione politica per sottolineare divergenze o critiche nei confronti dell'Unione europea. Ora assistiamo ad un passaggio della presidente Ursula von der Leyen che ha significati completamente diversi da quelli sopra richiamati. Simbolicamente la visita di martedì sottolinea l'effetto generato da una nuova visione europeista che ha saputo attingere ai principi ispiratori che portarono a Roma nel 1957 sei Paesi di un'Europa che iniziava a godere i frutti della ricostruzione post bellica, a firmare lo storico accordo costituente l'Unione europea. La volontà tutta politica che la Commissione ha messo in campo nel momento di massima tensione legato all'esplosione della pandemia ha, infatti, ribaltato indirizzi da troppo tempo consolidatisi che vedevano la politica sottomessa ad algoritmi economici con l'affermazione di regole, spesso basso profilo.

Nuove convergenze antichi difetti 2

Fonte: Giornale di Brescia