Informativa Cookie Law in vigore dal 03.06.2015 
Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità 
illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

APPALTI, NUOVE REGOLE E VECCHIA BUROCRAZIA

Tra i temi che con una certa sistematicità occupano le agende della politica e finiscono preda del dibattito mediatico, abbiamo quello legato agli appalti. Già alla fine dell'800 Francesco Crispi nel suo <<Costruire lo Stato per dare forma alla Nazione>> ha dedicato molte pagine proprio alla definizione di logiche e regole per assicurare l'efficacia degli investimenti che il Governo di allora doveva indirizzare allo sviluppo del nascente Paese. Senza volere entrare in ambito storico, possiamo riconoscere come la coretta gestione delle risorse pubbliche per investimenti o manutenzioni rappresenti un'esigenza fondamentale sia per evitare sprechi, sia per eliminare (o almeno ridurre) effetti distorsivi connessi al malaffare. Negli anni recenti il dibattito intorno alle <<infiltrazioni mafiose>> nelle attività ad alto assorbimento di risorse pubbliche, sopratutto nelle infrastrutture, ha coinvolto politici, giuristi e tecnici alla ricerca di soluzioni capaci di filtrare inserimenti non voluti nell'aggiudicazione degli appalti, ma anche nella loro gestione (i cosiddetti subappalti).

Appalti nuove regole e vecchia burocrazia 2

Fonte: Giornale di Brescia