Informativa Cookie Law in vigore dal 03.06.2015 
Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità 
illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

ULTIMA CHIAMATA PER LA POLITICA

La crisi di Governo e le conseguenti fallimentari manovre per cercare di dare una guida solida al Paese, hanno messo in evidenza la debolezza della politica, ma anche reso chiaro quanto i protagonisti di questa stagione siano lontani da chi, per decenni, ha calcato le scene delle istituzioni. La manifestazione più evidente di questo gap si è avuta con il discorso con il quale il presidente Sergio Mattarella ha motivato la scelta politica e istituzionale di affidare ad una personalità <<esterna>> il tentativo di evitare gli effetti negativi che, punto per punto, il Presidente ha serenamente e in modo circostanziato elencato.

Certo è evidente che, citando il Capo dello Stato, parliamo di un uomo di un'altra generazione, altre esperienze ed altro curriculum professionale, umano e politico. Ciò che è apparso drammaticamente evidente è stato il rendersi conto che la carica più alta dello Stato, a differenza di tutti i protagonisti di questo ennesimo e inconcludente balletto, ha saputo elencare, senza esasperarli dialetticamente, tutti i motivi che ora sconsigliano, per il bene del Paese, un lungo stop di indirizzo, di governance, e di controllo.

ultima chiamata per la politica 2

Fonte: Giornale di Brescia