Informativa Cookie Law in vigore dal 03.06.2015 
Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità 
illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

POLITICA DISTRATTA SUL "NODO" LAVORO

Negli ultimi giorni - con la politica italiana impegnata a discutere sui temi quali la leadership nel mondo grillino, piuttosto che sulla nascita di nuove aggregazioni di <<responsabili>>  per offrire una stampella al governo Conte, o sulla raccolta di firme per sottoporre a referendum la legge che riduce il numero dei parlamentari - il mondo del lavoro ha offerto notizie interessanti che hanno trovato pochi, discordanti, commenti tra chi ha provato ad interpretarli. La premessa suona critica perchè oggettivamente non pare che il tema del lavoro sia tra quelli che, oggi come ieri, scaldano realmente i nostri governanti o chi si oppone loro. Il primo spunto ci è stato offerto da Marin Sanna prima ministra finlandese che ha rilanciato l'idea del <<lavorare meno, lavorare tutti>> ipotizzando, a parità di remunerazione, di portare le settimane lavorative a 4 giorni con un impegno quotidiano di sei ore. La proposta fa riferimento ad alcune iniziative già in avanzata fase di sperimentazione in Europa e, in modo più strutturato, da più di un anno in Giappone targate Toyota e Microsoft.

politica distratta sul nodo lavoro 2

Fonte: Giornale di Brescia