Informativa Cookie Law in vigore dal 03.06.2015 
Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità 
illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BUROCRAZIA SPIAZZATA DA UN MONOPATTINO

Pur appartenendo alla generazione dei monopattini a spinta, non ho nulla contro l'innovazione che sta introducendo nelle nostre città i nuovi mezzi di locomozione elettrici che, in varie forme, vediamo utilizzare per spostamenti rapidi ed apparentemente <<ecologici>>. Quello che sta avvenendo intorno all'adozione di questo nuovo supporto al movimento cittadino rappresenta però un esempio emblematico di come nel nostro Paese si affrontano i cambiamenti. I nuovi mezzi di locomozione sono, infatti, figli di un'innovazione che non trova riferimenti adeguati nelle norme che disciplinano l'utilizzo di strumenti in grado di agevolare il movimento di persone e cose su marciapiedi e strade. Il Codice della strada nato molti anni fa con fatica è riuscito ad adattarsi alle numerose innovazioni strutturali (dalle rotatorie alle piste ciclabili, dai semafori intelligenti ai tutor). Ma il monopattino rappresenta quel salto nella mobilità che la burocrazia fa fatica a dirigere. In città può essere veloce come un'automobile ma ha dimensioni contenute così da rendere rischioso il farlo circolare sulle strade.

Burocrazia spiazzata da un monopattino 2

Fonte: Giornale di Brescia